Consegna entro 48 ore ovunque in Europa

17 May

Elezioni presidenziali 2022 e cannabis: cosa dicono i candidati?

La legalizzazione della cannabis è un argomento caldo al momento. E questo per molte ragioni. Persone e politici hanno sentimenti molto forti al riguardo. Mentre le elezioni presidenziali si sono svolte nel 2022, diversi candidati hanno già stabilito le loro posizioni sulla legalizzazione della cannabis. Abbiamo pensato che sarebbe stato interessante dare un'occhiata a ciò che hanno da dire al riguardo. Cosa pensano? E cosa potrebbe significare per la Francia? Ecco una panoramica di ciò che alcuni dei principali contendenti hanno detto finora.

1-FEU Verde del Consiglio di Stato per il CBD.

2- Jean-Luc Mélenchon per la legalizzazione della cannabis.

3- Emmanuel Macron contro la legalizzazione.

4- Marine Le Pen per un rafforzamento della polizia.

5- Éric Zemmour: per un rafforzamento delle sanzioni prima della legalizzazione in caso di fallimento.

6- Quale futuro per la cannabis con Emmanuel Macron?

7- per finire ...

Luce verde dal Consiglio di Stato per CBD

Legalizzazione dei prodotti CBD con il giudice Gavel

Prima di attaccarci nel cuore della questione, è importante che il lettore abbia un'idea sul CBD e quali sono alcuni usi dell'uso.

A/ In breve, cos'è il CBD?

CBD è l'abbreviazione di cannabidiolo, che è solo una delle centinaia di diversi composti naturali presenti nella cannabis. Difficilmente contiene THC, e quindi non si libra. Tuttavia, il CBD ha molti potenziali vantaggi terapeutici e la ricerca è in corso per capire meglio come può essere utilizzato per affrontare problemi come dolore cronico, ansia, insonnia, ecc. In generale, l'uso del CBD è estremamente sicuro e il suo profilo di sicurezza è eccellente, con pochissimi effetti collaterali.

B/ Cosa dice il Consiglio di Stato sul CBD?

Dopo settimane di tensione per il settore e i giochi legali, il Consiglio di Stato ha deciso di abrogare il controverso cambiamento di politica assunto dal governo il 30 dicembre.


Ricordiamo il, in Francia, Né i fiori freschi né le foglie crude potrebbero essere vendute. Sia da solo o associato ad altri elementi. Questa restrizione si applicava anche al possesso di fiori di cannabis, che venivano principalmente fumati. Inoltre, a volte hanno sostituito l'articolazione ordinaria o la sigaretta del tabacco.


Tuttavia, lunedì 24 gennaio 2022, Il Consiglio di Stato ha emesso un nuovo regolamento relativo alla cannabis in Francia. Il divieto è stato arrestato provvisoriamente dal Consiglio di Stato.

C/ Ma, perché?


Questa decisione è arrivata dopo che il giudice in procedimenti sommari ha mostrato un'incoerenza nei confronti del divieto totale del CBD. O anche una contraddizione.

L'argomento principale riguarda il contenuto di THC (tetraidrocannabinolo), la principale molecola attiva della cannabis e All'origine degli effetti psicotropi. Nelle foglie e nei fiori di CBD, è inferiore allo 0,3%.

Facendo riferimento al decreto del 30 dicembre, è consentito "Effettuare la cultura, l'importazione, l'esportazione e l'uso industriale e commerciale di sole varietà di varietà di cannabis di sativa L., incluso il contenuto delta-9-tetraidrocannabinolo (THC) non è superiore allo 0,3 %" Ma vendere ai consumatori fiori o foglie nello stato grezzo delle stesse varietà era vietato.

Il Consiglio di Stato venne a correggere questa contraddizione proclamando:

“Non sembra che i fiori e la cannabis facciano Sativa L. il cui contenuto di THC è inferiore allo 0,3 % avrebbe un grado di danneggiamento per la salute che giustifica una misura di divieto totale e assoluta: questa soglia è precisamente quella sostenuta dal decreto contestato stesso per Caratterizzare le piante di cannabis autorizzate a cultura, importazione, esportazione e uso industriale. " - Board of State

 

Ora vediamo qual è la posizione dei candidati per le elezioni presidenziali del 2022 sulla legalizzazione della cannabis.

FRANCE ELEZIONE 2022 PANNEL

 Jean-Luc Mélenchon per la legalizzazione della cannabis


È chiaro che i consumatori di cannabis in Francia si appoggiano al candidato sinistro. Secondo alcune stime, quasi Il 23% degli utenti della cannabis avrà votato per il partito di Jean-Luc Mélenchon. È importante notare che queste persone rappresentano il decimo della popolazione francese.


La posizione del leader della Francia ribelle non è nuova. In effetti, durante la campagna presidenziale del 2017, era già a favore della legalizzazione della cannabis. Nel 2022, venne a sostenere questa posizione affermando: "Sì, è quello che devi fare, il resto è fallito. Sono pragmatico in questo settore, facciamo ciò che funziona. Il divieto non ha dato nulla " Su RMC. Il suo obiettivo è che lo stato francese supervisiona la catena di produzione, il consumo e la vendita di cannabis per renderlo un monopolio dello stato pubblico.


Jean-Luc Mélenchon pensa che i controlli della polizia in quest'area siano un tempo viziato per la polizia. Il 60% delle operazioni di contatto della polizia viene effettuata per verificare se le persone controllate sono titolari di cannabis o meno.

 Emmanuel Macron contro la legalizzazione

Il presidente ri -eletto Emmanuel Macron ha una posizione molto speciale per quanto riguarda la legalizzazione della cannabis.  È contrario al rafforzamento delle sanzioni penali per i trafficanti come le parti di destra vorrebbero fare. Tuttavia, è contro la legalizzazione della cannabis in Francia. Desidera assumere una polizia o una gendarmeria più efficaci per gestire questi traffico.


Durante la sua campagna presidenziale nel marzo 2022, lo disseNon è favorevole alla legalizzazione della cannabis sul territorio francese. "Gli stupidi hanno bisogno di un freno, nessuna pubblicità" Recentemente ha detto il nuovo presidente. Aggiunge anche che la liberalizzazione del consumo di cannabis potrebbe portare ai consumatori ad altre forme di criminali.

 Marine Le Pen per un rafforzamento della polizia

Marine Le Pen afferma di essere completamente contrario alla legalizzazione della cannabis, ma per la legalizzazione della cannabis terapeutica. Questo è ciò che ha detto il candidato alle elezioni presidenziali nello spettacolo Francia negli occhi Su bfmtv.


La porta della bandiera della manifestazione nazionale ritiene che la legalizzazione della cannabis non riduca il traffico di questi narcotici. Si unisce a Emmanuel Macron sul fatto che un trafficante di cannabis sarà tentato di trasferirsi ad altri narcotici.


Alla fine, pensa di rafforzare la polizia e le unità di polizia, al fine di combattere contro i trasgressori.


Va notato che Marine Le Pen non mira al dominio terapeutico o farmaceutico, ma solo delinquenti e spacciatori. È molto importante sfumature tra i diversi casi di utilizzo della cannabis e i suoi derivati.

 Éric Zemmour: per un rafforzamento delle sanzioni prima della legalizzazione in caso di fallimento

Per quanto riguarda la sua politica in materia di cannabis, anche il candidato a destra è piuttosto conciso. La pianta è nuovamente legata al traffico di droga, che Eric Zemmour desidera sradicare il suolo francese. Per raggiungere questo obiettivo, il leader del partito di riconquista vuole creare una forza nazionale composta da servizi di polizia e giustizia, amministrazioni doganali e fiscali per bloccare i trafficanti.


Per essere più chiaro, Eric Zemmour vuole cominciare Adottando una grave politica di lotta al traffico di droga. Tuttavia, in caso di ovvio fallimento, prenderà in considerazione altre misure da prendere.

Quale futuro per la cannabis con Emmanuel Macron?

Emmanuel Macron Elleted President 2022

Diverse persone confondono la cannabis e i suoi derivati, ad esempio CBD. La differenza tra cannabis e CBD è che quest'ultimo contiene meno dello 0,3% di THC, il principale componente psicoattivo della cannabis. Ciò significa che il CBD non produrrà gli stessi effetti psicoattivi della cannabis. Inoltre, il CBD ha alcuni effetti terapeutici. Questa parte era quasi assente durante le campagne presidenziali.


Con Emmanuel Macron eletto per un secondo mandato, è chiaro che la cannabis non è pronta per essere legalizzata in Francia.


Foglie, fiori e prodotti di cannabis con una concentrazione di THC superiore allo 0,3 % sono considerati narcotici. Il loro uso, il loro possesso, la loro vendita o il loro trasporto sono gravemente puniti dalla legge francese. Il consumo di questo prodotto è un reato.

Cosa offriamo a Ivory Swiss

Stai cercando un'esperienza di CBD lussuosa? Non guardare oltre l'avorio svizzero! 

Il Prodotti CBD in Ivory Swiss sono tra i più ricercati oggi sul mercato. Le nostre formule svizzere al 100 % sono realizzate con la massima cura e la massima precisione, il che garantisce che si ottiene solo la migliore qualità del prodotto disponibile.

Dai un'occhiata al nostro negozio online e scegli i tuoi articoli oggi!

Finire…


Il CBD è una delle molecole più versatili della pianta di cannabis. Allevia un'ampia varietà di condizioni con relativamente pochi effetti collaterali. Questo lo rende un'opzione interessante per molte persone e la sua crescente popolarità ha attirato l'attenzione delle figure politiche.


Abbiamo visto che il Consiglio di Stato ha dato la sua approvazione al CBD. Per quanto riguarda la cannabis, i candidati per le elezioni presidenziali del 2022 hanno opinioni diverse. Parti di sinistra come "Insoumise France" sono per la legalizzazione della cannabis. Il diritto non è della stessa opinione. Al contrario, invitano a rafforzare la lotta contro la cannabis. Cosa pensi che succederà dopo?

TI PIACERÀ

Il CBD diventa popolare: le celebrità lo approvano
17 May
Il CBD diventa popolare: le celebrità lo approvano
LEGGI L'ARTICOLO
CBD come trattamento naturale contro il dolore
17 May
CBD come trattamento naturale contro il dolore
LEGGI L'ARTICOLO
Perché consumare infusioni di CBD e tè alle erbe
17 May
Perché consumare infusioni di CBD e tè alle erbe
LEGGI L'ARTICOLO
CONSEGNA GRATUITA

Da 80 € Acquisto

72h.
PAGAMENTO SICURO
Coltivato in Svizzera

Non ci sono articoli nel tuo carrello.